Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Twitter

Google+

Offrimi un caffè

Nel senso che è inutile farmi una donazione paypal.

Mandami una mail e ci incontriamo. 

francescobaron@hotmail.it

PS: se proprio insisti

1 dicembre 2011 4 01 /12 /dicembre /2011 23:45

Magnifico Rettore dell'Università di Messina, 

vorrà perdonare la mia impertinenza ed il mio tono poco formale, ma non potevo esimermi dall'inviarle almeno una mail. Sono uno studente di scienze politiche e sto finalmente per laurearmi. Ho appreso con molto dispiacere della situazione venutasi a creare e con sdegno sono riluttante a piegarmi alla soluzione, dalla mia facoltà, trovata. Non è stata fatta nessuna comunicazione ufficiale dell'avvenuto e tutto ciò che conosco è frutto solo di passaparola e confidenze. Io credo che l'università non possa non avere un atteggiamento di chiarezza e cristallina trasparenza. Avrei gradito che mi fosse spiegata la situazione e non che mi fosse additata la colpa visto che studenti, uguali a me, si sono già laureati con gli stessi miei esami. Io scapperò via dalla mia terra e andrò a continuare il mio percorso di studi al nord o fuori dall' Italia con un tremendo magone, ma avendo, con tutto me stesso, cercato un dialogo e trovato un muro non vedo via d'uscita alla triste situazione che si è venuta a creare e che permane da tempo. La Sicilia avrebbe bisogno di un cambiamento, che sgorghi da animi puliti e impetuosi come quelli dei miei coetanei. Molti esempi ci danno la forza per continuare a credere che un'altra Sicilia è possibile, ma quando le istituzioni si pongono in contrasto e ti deludono, allora, vengono meno i principi e la sana spinta che ogni giorno apprendiamo dai nostri studi. Il mio percorso di conoscenze mi insegna a lottare per le mie idee e per i miei diritti e quindi urlerò a gran voce fino a quando il mio corpo resisterà e le mie corde vocali avranno respiro. Non sono uno stupido idealista, ma un giovane testardo che ha voglia di rimanere nella sua terra e migliorarla. Mi permetta, la prego, di riavere fiducia nei miei principi e nella mia lotta per il cambiamento di questa terra "tanto bella quanto disgraziata". Le chiedo, con il cuore e con il cervello, di parlare con noi studenti e trovare una soluzione dignitosa e permetterci di credere in questo nostro progetto di rivalutazione del territorio invogliandoci a rimanere. Io non voglio scappare, voglio esser fiero della mia provenienza. Voglio che la mia generazione riporti in alto la trinacria ridandole una dignità. Abbiamo bisogno di modificare il nostro atteggiamento su tutti i versanti e cominciare a far luce sull'istruzione e sul nostro iter di formazione potrebbe servire da sprono per sostenere le sfide che ci aspetteranno nella vita. "Siate voi il cambiamento che vorreste vedere nel mondo"; ecco, dateci la forza per continuare a credere nelle istituzioni e nella nostra terra. 

 

Cordialmente lo Studente Francesco Barone.

Condividi post

Repost 0
Pubblicato da francesco.barone
scrivi un commento

commenti